La Tomografia Computerizzata, indicata con l’acronimo TC, è una metodica di diagnostica per immagini oramai impiegata da più di due decenni e utilizza, così come le metodiche radiologiche tradizionali, Raggi X.
La TC può essere considerata una delle innovazioni più importanti nello sviluppo della Radiologia dopo la comparsa dei Raggi X, in quanto il suo utilizzo ha permesso di riconoscere lesioni prima difficilmente dimostrabili; inoltre, l’introduzione di apparecchiature più recenti (TC spirale) ha consentito di studiare ampi volumi corporei nel dettaglio e in tempi brevissimi.
E’ opportuno ricordare che, pur essendo i raggi X non completamente innocui per la salute, le dosi di radiazioni somministrate durante un esame TC sono molto contenute, ben al di sotto di quelle in grado di provocare alterazioni sulle cellule e sui tessuti umani.
Generalmente l’esame TC è considerato un esame di 2° livello, ovvero volto a chiarire dubbi diagnostici di particolare importanza clinica ai quali gli esami radiologici ed ecografici più semplici e meno costosi non sono arrivati a dare una risposta definitiva.
L’indagine TC è dunque una metodica di largo impiego che può essere utilizzata per lo studio di ogni distretto corporeo; essa è una tecnica veloce, che fornisce, rispetto alle metodiche radiografiche tradizionali un numero molto più elevato di immagini del distretto esaminato in tempi molto ridotti, migliorando l’affidabilità dell’interpretazione diagnostica.